• Pubblicata il:
  • Autore: Lucciolafralemani
  • Categoria: Racconti etero
  • Pubblicata il:
  • Autore: Lucciolafralemani
  • Categoria: Racconti etero

Ubriacarsi di sesso

Se Roberta non fosse entrata in banca, avrebbe certamente fatto la puttana.
Dico questo perché la carica erotica che la possiede la rende vogliosa e ossessionata dal sesso in tutte le sue forme.
Per lei ogni pretesto è buono per godere.
Da maschilisti la si potrebbe definire una gran troia e c'è del vero in questo, ma va considerato che gli anni di matrimonio sono stati per lei un fallimento e una mortificazione del suo essere femmina e ora vuole recuperare il tempo perduto.
Arturo in questo caso è la sua ultima "vittima"; prestante, gagliardo e a letto naturalmente dotato. Insieme formano una bella coppia.

Dopo tre settimane di digiuno per una trasferta di lui, Roberta non stava più nella pelle.
Lo ha tempestato di SMS e telefonate ma visto che anche gli uomini a volte sanno come tenere sulle spine il partner, Arturo ne approfittò negandosi anche quando avrebbe potuto benissimo essere più disponibile.
Ma anche lui moriva dal desiderio di lei, non faceva che pensarla e a come soddisfarla.

"Pronto? Ciao passerona, per il weekend è previsto bel tempo, io lavoro fino a tardi venerdì ma sabato mattina possiamo partire e fare un salto in Toscana..."

"Non vedo l'ora! Caro, cerco un B&B o una pensione e ti faccio sapere. Ah! Fai scorta di vitamine perché ho una gran fame di carne dura...non so se mi spiego?"
Roberta quando voleva sapeva essere molto chiara ed esplicita.

Il clacson dell' Audi risuonò davanti alla villetta quadrifamiliare di lei.
Camicetta fantasia su gonna corta grigio perla, sandali bordeaux con tacco alto e trolley porta tutto.
Insomma, un gran bel vedere.
Un bacio stampato in bocca e via, destinazione Manciano per una due giorni di sesso.
"Mi sei mancato, lo sai? " Passando poi una mano fra le cosce a saggiare il pacco. "E anche lui... Dobbiamo contarle, ci stai?"
"Contare cosa?" Fece lui distratto.
"Le volte che ti farò godere!"
La vacanza cominciava bene.
Imboccata l'autostrada lei si allungò sul sedile poggiando le gambe sul cruscotto, la gonna risalita mostrava chiaramente lo slip con l'albicocca profondamente stampata nel tessuto.
Un camion che stavano sorpassando suonò le trombe del giudizio.
Arturo non gradiva queste manifestazioni da parte di lei ma lo eccitavano comunque.
Lei continuò a stuzzicarlo per buona parte del viaggio.
Tant' è che quando giunsero a destinazione il pacco gli doleva talmente che salirono subito in camera senza fermarsi prima alla reception a consegnare i documenti.
La prese con forza, sbattendola sul letto, le sfilò la brasiliana infilzandola senza tanti complimenti.
La lingua le frugava la gola, baci appassionati, poi un rantolo e la sua ostrica si allagò troppo presto.
Sentiva i fiotti bollenti che schizzando traboccano fino a colare giù dalle cosce.
Fradici di sperma e di sudore si diressero ambedue in bagno per una doccia.
S' insaponarono a vicenda e mentre l'acqua calda ritemprava i loro corpi Roberta sentì contro il culo che il cazzo aveva già rialzato la testa, si voltò, lui le prese la nuca baciandola in gola mentre le sollevava una coscia. La cappella fu risucchiata nella vulva di lei.
Colpi violenti, rantoli di godimento poi altri rivoli di sperma che si stemperarono nell'acqua.

Si asciugarono in fretta intrecciando le lingue per prolungare e tenere viva la lussuria che li pervadeva ma la spossatezza questa volta ebbe la meglio sulla passione e Arturo cedette a un pisolino.
Quando si risvegliò era pomeriggio inoltrato ma il sole brillava ancora alto, non vide Roberta, la chiamò e lei rispose dalla terrazza.
Nuda, seduta in faccia al sole con le gambe larghe a fica aperta.
Distratta si stava accarezzando i peli del pube, il suo dito medio giocava nei dintorni dell'abisso, sfiorando il clitoride, un brivido, poi affondò nella voragine; lo ritrasse vischioso.
Si portò il dito alla bocca con voluttà, visibilmente eccitata.
Il polpastrello indugiò di nuovo sul pube con movimenti rotatori; i muscoli percorsi da brividi.
Si accorse che più scopava e più e prima il suo corpo rispondeva agli stimoli.
La fica le era diventata bollente e zuppa come una spugna, le gambe vibrano inconsulte, un liquido lattiginoso sgorga dalla spacca pulsante filtrando giù giù tra le chiappe fin sulla sedia.
"Mi vuoi proprio far morire ?!" Fece lui deglutendo.
"Ben alzato! E non fare il tragico. Non è mai morto nessuno per una chiavata.
Ma di fame si! Mentre dormivi mi sono fatta portare qualcosa da mettere sotto i denti, serviti!"
Indicandogli il tavolo.
Ma Arturo non ha fame, perlomeno non di cibo.
La forzata astinenza di tre settimane che lo ha costretto lontano dalla donna ha lasciato il segno e Roberta si rende conto di quanto lui la desíderi, allora assecondandolo si mette in ginocchio sulla sedia.
Mostrandogli il culo in tutta la sua magnificenza.
Non ci mette molto la lingua a entrare in azione e a lapparle ambedue i pertugi.
Succhia vorace le piccole labbra e il clitoride mentre due dita le sondano il culo, è un estasi.
Roberta assesta le chiappe contro il suo viso. Anche lei ha atteso troppo questi momenti e ora che finalmente può saziare il suo appetito non intende perdere un attimo di questa breve vacanza.
Lui grugnisce e lappa poi si ritrae e con il cazzo che rischia di scoppiare, le invade la fica; alcuni colpi forsennati ed è la volta del culo che morbido e ampiamente rodato, si schiude sotto la pressione della cappella. Un colpo in culo e uno in figa e avanti così per cinque minuti buoni finchè un geyser liberatorio le esplode sopra le natiche..."E vai!
La donna si rialza dalla sedia per dirigersi in doccia, gocciola umori e sperma sul pavimento ad ogni passo, ma lui la ferma, si inginocchia e, con la faccia fra le cosce, mentre lei lo trattiene per i capelli, inizia a ripulirla con la lingua.

La sera, dopo una cena in una vicina trattoria di Manciano e una passeggiata per digerire, i due decidono di rientrare anche perché la stanchezza comincia a farsi sentire.
Arturo è il primo a infilarsi sotto il lenzuolo mentre Roberta indugia, chiusa in bagno.
Quando ne esce è da applauso:
Calze scure stile vintage di seta, completino coordinato comprendente slip di pizzo bordeaux e nero reggiseno e reggicalze. Molto difficile resistere ma il nostro stallone è già in braccio a Morfeo.
Delusa, alla nostra non rimane che accettare l'evidenza e coricarsi.
Ma la rivincita è solo rimandata.
È domenica mattina quando qualcosa di caldo e umido disturba il sonno di Arturo, sbadigliando socchiude gli occhi impastati di sonno...si tratta della tumida, carnosa, accogliente bocca di lei
che sta cercando, con sapienti colpi di lingua, di rianimare con fatica un uccellone appisolato e riluttante.
Ma Roberta è donna determinata e decide di passare al piano B:
scavalcando il corpo di lui gli adagia la passerona profumata sulla faccia.
È un richiamo chimico al quale è difficile resistere.
Sentiva il naso di lui che sbuffava fra le chiappe e la lingua che frugava le sue intimità più profonde.
Ora il suo uccello è dritto, scuro e prepotente.
Può così riprendere il gioco erotico; con la lingua avvolge l'asta per poi ingoiarla a fauci spalancate fino all'ugola, chiude la bocca e succhia avidamente la cappella come fosse un cremino sboccando saliva spumosa sul glande.
Mentre scariche elettriche le trafiggono le tempie sotto i colpi maestri della ruvida lingua dell' uomo che, come un calabrone, lappa e succhia ogni stilla di nettare dalla sua rosa; ma lei, insaziabile, mugolando continua a succhiargli il cazzo e le palle finché in un rantolo l'anima di Arturo esplode glassando il suo splendido viso.

Fatta colazione uscirono per una passeggiata nei dintorni.
Lei con indosso una camicetta arancione di cotone a quadri annodata in vita, appena sufficiente a contenere i polposi seni con i capezzoli stampati nel tessuto; una gonna corta di jeans rigorosamente senza mutandine; una perfetta mise da zoccola.
Stavano percorrendo un sentiero e Roberta lo precedeva sculettando in modo vistoso; i sensi di Arturo erano già in allarme rosso.
Quando ad un certo punto lei finse di doversi allacciare una scarpa, piegando il busto in avanti mostrò al mondo intero, e soprattutto a lui, il punto in cui le sue cosce si mutano in due stupende natiche con tutto ciò che ci sta nel mezzo.
L'uomo si guardò attorno prima di calarsi i jeans e inforcarla in una semplice, naturale, stracollaudata pecorina.
Erano la classica icona:
Lei con la gonna sollevata, lui dietro, sudato, con le braghe calate abbrancato alle tette di lei e la schiena incurvata che fotteva come un animale.

Ma il tempo, si sa, è tiranno e i due devono prepararsi alla partenza.
Rientrati alla pensione, preparano i bagagli poi una doccia e via, in macchina per il ritorno lungo la statale per prolungare il viaggio.
Dopo aver celiato del più e del meno:
"Lo sai?" Dice lei un po' annoiata dalla monotonia del viaggio.
"Sono cinque le volte che ti ho fatto venire in due giorni, una buona media, che dici?
E non è detto che sia finita..."
Ciò detto, allunga una mano e inizia a ravanare il pacco di lui che però stavolta non dà segni di risveglio.
"Cavolo Roby, smettila, mi farai andare fuori strada! Ma sei proprio insaziabile. Dai! Basta!"
Ma intanto la patta dei suoi pantaloni è schiusa e il contenuto è tra le labbra calde di lei che con sapienza da mignotta sta prodigandosi per rianimarlo.
Ora Arturo, pur continuando a guidare, tace e ansima sotto i risucchi e i colpi di lingua di quella magnifica femmina.
E infine, seppur a fatica il miracolo si ripete. Il glande, diventato duro e violaceo stenta ora ad entrare nella sua bocca; ed è ciò che Roberta aspettava.

Smette di spompinarlo e con un movimento fluido da ginnasta scavalca con la gamba destra la consolle centrale e si posiziona a cavalcioni sulle cosce di lui, assestandosi con le chiappe proprio sull'inguine mentre con un gesto rapido della mano scosta l'ingombrante brasiliana.
Il cazzo di Arturo viene totalmente risucchiato in quella fornace umida mentre, non avendo più la visuale della strada, il suo piede destro istintivamente pesta violento sul pedale del freno.
L'Audi sbanda e fortunatamente, senza conseguenze si ferma su di un lato della strada.
"Oohh! Ma sei scema!? Tu devi avere dei problemi, cazzo! Manca poco che finiamo nel fosso."
"Hai ragione amore, scusami non ho pensato...ma è che c'ho ancora tanta voglia..."
Seppur notevolmente sgonfio per l'accaduto, l'uccello di lui è ancora saldamente confitto fra le morbide labbra della fica di lei che, ben conscia di ciò, non intende mollare la presa.
Accostatasi al viso imbronciato di lui cerca con la lingua la sua bocca mentre con il bacino inizia una rotazione che ha come perno il pisello del suo amante.
" Senti come sta crescendo! Amore, è grosso e lo sento fino in gola! Chiavami così, continua, ti prego non fermarti! Sono tutta bagnata!"
In effetti l'asta di Arturo è lucida di umori e ciò gli permette di fottere con foga animalesca.
Roberta, ad ogni affondo grida senza ritegno, posseduta dal demone del sesso e della lussuria; il profumo di sesso pervade l'abitacolo poi, dalla spacca bollente, fuoriesce una densa colata perlacea seguita dai rantoli liberatori del suo maschio.
La calma ritorna all'interno dell'auto.
" Lo sai? Mi gira la testa come fossi ubriaco. È stata una scopata memorabile."
"Allora dovremo stare attenti alle pattuglie della Stradale che non ti facciano il palloncino dell'alcol test."
Replicò Roberta ridendo.












Vota la storia:




10/07/2015 09:40

zelindo

un altra minchiata scritta da un malato o malata di mente!!

09/07/2015 09:04

Camillo 2

Non ho letto il tuo racconto, ma posto qui un aforisma che fede il culattone di certo leggerà. " TUTTI I CULA fede PER PRIMO VANNO CURATI COL L'ADOLF-SISTEM; metodo già collaudato, perfettamente funzionante. Parola di Camillo 2.-

08/07/2015 22:49

mr. hyde

lucciola, sei bravissima! scrivi molto bene e hai una carica erotica molto alta Spero di leggerti tanto

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!