• Pubblicata il:
  • Autore: Piero Segafredo
  • Categoria: Racconti etero
  • Pubblicata il:
  • Autore: Piero Segafredo
  • Categoria: Racconti etero

Parrucchiera golosa

Mi ero appena trasferito nella città di Lucca, ero riuscito a trovare una bellissima mansarda propio nel centro, molto carina e molto accogliente, l'unica cosa che mancava era l'aredamento del salotto... Dopo appena una settimana dal mio trasloco avevo conoisciuto, oltre ai miei vicini di casa la parrucchiera che aveva il negozio propio di fronte al condominio dove vivevo e il barista che era di fianco al negozio di quest'ultima... Ormai nel bar di fronte casa ero di famiglia visto che tutti i giorni dopo lavoro mi fermavo sempre a fare aperitivo, invece la parrucchiera l'avevo conosciuta propio li, lei prendeva un caffè, io mi facevo una birra e tra una chiacchera e l'altra c'eravamo conosciuti, visto che ero nuovo e non conoscendo nessuno, socializzare non mi avrebbe fatto male, poi se la persona in questione è una bella donna mora dai capelli lunghi e cotonati propio come piaccciono a me è ancora meglio!!! Ormai io e questa bellissima ragazza ci trovavamo giornalmente in questo bar, come al solito scambiavamo due chiacchere e come sempre io ci provavo spudoratamente... Lara, questo è il suo nome, è una meravigliosa ragazza mora dal fisico slanciato tonico e con questi stupendi capelli mori che a me fanno perdere completamente la testa, sembrava molto socievole e se devo essere sincero anche sportiva, non so cosa di lei mi dava quella sensazione, forse lo sguardo cos' profondo che aveva, forse le risposte che mi dava alle battute a doppio sensoe che gli facevo, il suo modo di comportarsi, da come si vestiva, non so magari propio tutte queste cose insieme suggerivano al mio sesto senso che io e lei potevamo andare molto d'accordo!!! I giorni passavano la Lara mi prendeva sempre di più, ero arrivato al punto di andare a tagliarmi i capelli da lei pur di vederla e di provarci, quando un giorno accettò il mio invito per bere qualcosa a casa mia... Mi ero montato la testa e la mia mente viaggiava pensando a cosa poteva accadere quella sera da me, avevo già gli ormoni sconvolti e immagginavo già i nostri caldi corpi avvinghiqati in posizioni troppo trasgressive... Finalmente arriva il tanto e bramato giorno, era tutto perfetto, io... l'appartamento... e sopratutto lei!!! Era meravigliosa, con un vestitino corto che risaltava quelle due gambe lunghissime, era una visione angelica... Come accacade nove volte su dieci al primo incontro non accade mai niente, serata squisita ma misi ben in chiaro tra un discorso e l'altro che sono veramente molto maiale, senza limiti e sopratutto insaziabile; lei non sembrava sorpresa, anzi mi dava l'idea che fosse fatta della mia stessa pasta e quando parlavamo di sesso la vedevo molto presa.... Da li a poco iniziammo a vederci e sentirci sempre più frequentemente fino a quando un giorno come tanti andai a tagliarmi i capelli in negozio da lei, era un lunedì e mi disse che era meglio perche avendo il negozio chiuso avrebbe avuto tutto il tempo che volevo; mi accomodai, iniziò a lavarmi i capelli e già quando ti massagiano la testa io vado in brodo di giugiole, poi se ti appoggiano il seno sulla nuca è propio il massimo... mi accomodai sulla sedia e lei inizò a tagliarmi i capeli, anche li ogni tanto sentivo il suo seno sfiorarmi la testa e non riuscendo a stare zitto gli lanciavo qualche battutina istigatoria, fin che arrivammo alla fine e prendendo lo specchio mi venne davanti per farmi vedere come stavo e mentre mi guardavo la sentii sedersi sopra di me, allungò la mano prendendo e spostando lo specchio mi sussurrò che non ce la faceva più.... In quel momento non chiedevo altro, avendo la gonna mi bastò spostare la mutandina e poi gli e lo feci sentire tutto senza risparmiare neanche un mezzo centimetro.... passammo un'oretta di pura trasgressione dove tutto quello che ci passava per la mente lo facevamo, io pensavo di essere un maiale ma lei mi dava veramente filo da torcere, aveva una marcia in più per i preliminari, usava la lingua come se fosse prensile... Da qurel giorno chiaramente andavo a tagliarmi i capelli solo quando aveva il negozio chiuso, da una piccola avventura poi diventò una storia seria che negli anni si trasformò in un meraviglioso matrimonio...

Vota la storia:




09/11/2016 15:19

portopassa

uahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh che boiata patetica!! Quanto ridere! Una donna che diventa ragazza....e poi una storia inverosimile ...... il seno che si appoggia nella nuca ..... ma se c è il lavandino di mezzo!!!!!!! AHHAHAHA guarda meno film piero!!

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!