MIA CUGINA MI HA SCOPATO - 3^ parte

MIA CUGINA MI HA SCOPATO - 3^ parte

Ho fatto un bel respiro, l'ho riafferrata sui fianchi ed ho spinto il cazzo nel suo culo. Il suo corpo ha subito avuto uno spasmo.
- Uuuhhhhh...
Aveva alzato la testa ed i capelli si erano rovesciati sulla schiena.
- Piano Max... fai piano!
Era la mia prima inculata e non sapevo bene cosa fare. Perciò ho cominciato a muovermi lentamente, ma affondando i colpi sempre di più.
- Bravo, così va bene... mmmhhhh...
Le sue parole mi avevano rassicurato, quindi ho iniziato a spingere più in profondità. Dopo un po', lei aveva perso ogni freno inibitore, gridava, diceva frasi spezzate e godeva. Tutto il suo corpo vibrava ad ogni colpo di cazzo. Ho spinto ancora più in fretta e più in fondo.
- Aaahhhhh!
Ha preso un cuscino ed ha cominciato a morderlo, tremava di piacere e provava orgasmi ripetuti. Io ansimavo e sudavo, sudavo ed ansimavo... poi, finalmente, con una sana ed abbondante sborrata, sono venuto anch'io. Ci siamo distesi entrambi sul mio letto per riprendere fiato, mentre io mi addormentavo come un bebè, lei è tornata di sotto biascicando un vecchio proverbio che c'entrava un cazzo: "Del maiale, non si butta via niente...".
Mi sono svegliato verso le 10 per urinare, ed ho sentito che la TV del salotto era accesa. Sono sceso ed ho visto Pat in cucina, vestita e sorridente, davanti ad una tazza di tè caldo.
- Buongiorno...
- Ciao Max, vuoi una tazza di tè?
- No grazie, dopo quel che è successo stanotte, sono ancora un po' fuso... Domani tornano i miei... questo sarebbe l'ultimo giorno in cui...
- In cui?
Sembrava curiosa, il suo viso non tradiva nessuna particolare emozione.
- Ma la scorsa notte... non ti ricordi?
- Ah sì, scusami, avevo preso dei tranquillanti e bevuto un po' troppo... sono stata maleducata?
Il mio cervello girava a vuoto, non capivo se fingeva o se era sincera. Si è alzata in piedi e mi ha baciato sulla guancia.
- Sono contenta di avere un cugino come te. Sei un bravo ragazzo tornata in salotto, si è polleggiata sul divano e si è riaddormentata con la TV accesa. Io sono risalito nella mia stanza ed ho fatto altrettanto.
Ad un'ora imprecisata del pomeriggio, Pat è entrata in camera, ma io non l'ho sentita.
- Max, Maaax...
Mi sono svegliato di soprassalto ed ho visto che era lei. Indossava soltanto reggiseno e mutandine, e sorrideva...
- Max, avevi ragione tu... oggi pome mi sono ricordata di tutto...
Mentre mi guardava, si è slacciata il reggiseno, era quasi una sfida.
- Ok, le mie tette sono piccole, ma sanno fare grandi cose...
E' salita sul letto, mi ha baciato e mi ha palpeggiato finchè il cazzo è diventato rigido e grosso. Lo osservava gonfiarsi e si compiaceva.
Ha stretto le mammelle ai lati del pene ed ha iniziato a muoversi su e giù. Ogni tanto mi leccava e mi succhiava la cappella. Io le tenevo la testa con le mani e guidavo i suoi movimenti.
- Ti piace?
- Mmmhhh... è be... bellissimo...
Dopo qualche minuto, si è messa di lato, mi ha masturbato e mi ha ficcato un dito nel sedere. Ero teso come le corde di un violino, ho chiuso gli occhi ed ho eruttato un vulcano di sperma. Quando li ho aperti, ho visto una scena che non dimenticherò mai. Il viso di Pat era pieno di sborra, eppure lei mi leccava il cazzo per raccogliere ciò che era rimasto.
- Del maiale non si butta via niente... ricordi?

FINE

Vota la storia:




27/12/2016 11:39

paolo1

Quante fantasie patetiche e malate che hai! Lo sai che non si puo fare sesso con la cugina, per tanti motivi, e uno è anche serio che riguarda la salute! Ma cerca di usare meglio la fantasia e di scrivere storie inventate ma decenti!!!

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!