La zia in mar rosso 2

Passarono un paio di giorni, tutto procedeva come se nulla fosse successo tra me e mia zia. Mio zio e mio cugino assolutamente non sospettarono di nulla. Poi arrivò il giorno di una nuova escursione per loro due. Partenza all'alba per un'immersione in un posto famoso che non ricordo il nome. Mi alzai, mio cugino non c'era nel letto accanto e mi diressi verso la camera degli zii per andare in bagno. C'era mia zia, era nel letto e stava leggendo. Era ancora in vestaglia. Mi salutò "buongiorno, dormito bene? " "buongiorno zia.....sono già andati?" " si sono usciti presto...ti ho aspettato......". Appoggiò il libro sul comodino, spostò il lenzuolo che la copriva e sfilò le mutandine da sotto la vestaglia......Beh, inevitabile che mi sdraiai accanto e di nuovo ci masturbammo a vicenda. Ancora non osavamo andare oltre! Poi tornavamo ad essere il nipote e la zia.....insospettabili. Il giorno dopo eravamo nella hall del villaggio, c'era una partita in tv, tra l'altro un'amichevole. Mio zio e mio cugino patiti di calcio se la stavano guardando. Mia zia aveva manifestato più volte il suo disappunto di come stava procedendo la serata. Ma mio zio gli aveva risposto che "la partita me la voglio vedere...che palle che sei...." Mia zia aveva risposto per le rime, insomma diciamo che quella sera erano un po' nervosetti tra di loro. Ma in effetti era proprio pallosa la partita! Mia zia sbuffò e si alzò, un po' da incazzata, e mi disse "io vado a vedere cosa fanno in villaggio e a bermi qualcosa....tu cosa fai vieni?" "va bene, vado con lei zio!" Annuì un po' da seccato, ce l'aveva con mia zia. Al bar mi disse "tuo zio mi fa incazzare quando fa così....sono incazzata e annoiata. Scopami!" Appoggiò il bicchiere che aveva bevuto in un sorso. Non aspettò nemmeno la mia risposta. Andò verso la spiaggia. Aveva un bel vestitino e indossava delle scarpe con i tacchi...era proprio eccitante! Arrivò in spiaggia, si tolse le scarpe le prese in mano e proseguì a piedi nudi. Lei era davanti e io gli camminavo dietro o meglio la inseguivo....visto che camminava spedita. "là in fondo non ci vede nessuno" In effetti finito il villaggio la spiaggia era molto buia e c'erano come delle rocce. e proseguì dicendo "beh, prima o poi l'avremmo fatto, sta sera mi sembra la serata giusta" Proseguimmo nel buio qualche minuto poi arrivò dove la spiaggia comincia a lasciare il posto alla scogliera. Lei continuava a camminare spedita e aggiunse " il sub, le immersioni, la macchina....e adesso di nuovo il calcio...fanculo....ho voglia di farmi scopare e se non lo fa lui lo faccio con te...tra l'altro ce l'hai meglio tu!" Arrivò ad una roccia, si fermò, si sfilò le mutandine, si alzò la gonna, si girò inclinandosi in avanti. Disse "non preoccuparti, prendo la pillola...almeno la prendo per qualcosa" La partita finì. Mio zio andò al bar e ritrovò mia zia...aveva un sorriso stampato sulla faccia, gli era passata l'incazzatura e mio zio fu ben felice di ritrovare la sua mogliettina felice e rilassata. Ordinò anche lui un drink. Io li vedevo da lontano. Ero felice di avergli fatto fare la pace! Quella vacanza andò ottimamente e mio zio ricordo che l'ultimo giorno disse "sta vacanza ti ha fatto bene...ti vedo rilassata e contenta" Lei annuì......

Vota la storia:




07/09/2016 14:24

dario

dai basta cazzate di racconti inventati come questo!

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!