DELUSIONE D'AMORE

DELUSIONE D'AMORE Sto per laurearmi in Giurisprudenza e da sei mesi faccio la corte ad una studentessa fuori corso. Lei è bellissima e gentile, ma non riesco ad andare al di là dell'amicizia. Le ho provate tutte: l'ho aiutata negli esami, l'ho portata fuori a cena, le ho regalato dei fiori, siamo stati al cinema, le ho pagato un biglietto aereo per andare a trovare i genitori che vivono a Trapani, le ho scritto lettere romantiche, dedicato poesie, e chi più ne ha più ne metta. Niente! All'ultima festa di laurea, l'ho addirittura vista nel parco mentre si ciucciava con uno dei miei migliori amici. La sera seguente l'ho incontrato e gli ho detto: - Cazzo, lo sai che sono innamorato di lei! Con tutte le ragazze che ci sono, devi andare proprio con quella? Bell'amico... vaffanculo! - Guarda che ti sbagli, ha fatto tutto lei. Dopo la festa mi ha anche chiesto di accompagnarla a casa e, prima di salire, ha ricominciato a baciarmi e... - E...? - E mi ha slacciato i jeans. Poi... - Poi... ? - Poi mi ha succhiato l'uccello, il più bel pompino della mia vita! Lo leccava come se fosse un gelato e ogni tanto lo ingoiava tutto, fino in gola. Non ci ho messo molto a venire. Io l'ho avvisata, ma lei non ha fatto neanche una piega. Ha continuato a succhiare finchè non ho sborrato e se l'è bevuta tutta. Alla fine... - Alla fine...? - Alla fine, mi ha salutato con un lungo bacio in bocca... bleah, che schifo! - Ma vaffanculo, va... Ci sono rimasto di merda, ero così incazzato che sono tornato a casa e mi sono seccato una boccia di vino. Ho acceso il PC ed ho cercato un pornazzo per masturbarmi. Complice il vino, invece sono finito in una pornostar erotica. Mi sono iscritto ed ho scelto di chattare con la prima che è capitata. Io vedevo lei, ma lei non vedeva me. - Ciao bell'uccello, ha esordito lei con la voce filtrata. Cosa vuoi che faccia? Era nuda sul letto, bella figa, parrucca bionda e maschera tipo cat woman. Ho risposto: - Ce l'hai un vibratore? - Certo... - Ok, prendilo e scòpati da sola in primo piano... Detto fatto, dal comodino ha estratto un grosso cazzo di gomma vibrante, l'ha acceso, ha messo un po' di lubrificante e se lo è ficcato dentro piano piano. - Più vicino, ho detto io. Così non vedo bene... Ha spostato il portatile che era sul letto in avanti, fino in mezzo alle gambe ed ha continuato l'esercizio. La ripresa ravvicinata era oggettivamente molto eccitante e rivelava dettagli prima non visibili. Qualche pelo di troppo sull'inguine, un accenno di cellulite sui glutei ed un tatuaggio a forma di corona subito sopra il pube. - Ti piace? Dài, tira fuori il tuo cazzone e datti da fare, ha detto lei. Ha tirato fuori il vibratore ed ha aggiunto. - Fai finta che sia questo coso e che io ti stia succhiando. Le vedi queste palle di gomma? Quando le strizzo, dalla cappella esce della sborra calda... dimmi quando stai per sborrare... Lei lo leccava e se lo infilava tutto in bocca. Sembrava il remake del racconto del mio ex-amico. Dopo alcuni minuti di su e giù con la mano e di lei che spompinava il vibratore, il mio cazzo era pronto. - Ecco, sto venendo... Lei ha strizzato i testicoli di gomma e si è schizzata il liquido bianco sulla faccia inghiottendone un po'. Io ho eiaculato sulla sedia e sulla mia gamba sinistra. - Ti è piaciuto? - Sì, sei brava... come ti chiami? - Corona, quando ti colleghi scegli me, scegli Corona... buonanotte pisellone, a presto... L'ho webcamata altre 4-5 volte sperimentando altre piccole tragressioni. Due settimane dopo, ennesima festa di laurea. Stavolta era il turno del mio ex-amico. I suoi erano benestanti e gli avevano affittato una piscina coperta con annesso snack bar-panineria. C'erano più di 50 persone e, naturalmente, c'era anche lei, bellisima, con un bikini rosso fuoco e... un tatuaggio a forma di corona subito sopra il pube! Non sapevo se piangere o se ridere. Se sputtanarla o tacere. Passato lo stupore, ho capito che in fondo non mi aveva mai illuso, nè tradito, e che potevo continuare a possederla anche così, con la webcam. Quando si è avvicinata, mi ha baciato sulle guance e mi ha passato il suo bicchiere di birra. Le ho accarezzato i capelli ed ho sussurrato: - Sei bellissima...

Vota la storia:




20/06/2016 14:38

sergio

Questa storia è patetica e falsa!

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!